La Ristorazione è in ginocchio

La Ristorazione è in ginocchio

Una scelta dolorosa ma inevitabile. Nessuna riapertura. Non ci sono i presupposti per poter accendere nuovamente i fornelli.Il ristorante, pizzeria, panineria,  Altavilla, nel “cuore” della città  barocca di Ragusa Ibla non aprirà. Un anno di pausa, di riflessione, su quello che potrà accadere dopo il COVID-19.

La ristorazione è in ginocchio. Uno dei settori trainanti dell’economia è stato abbandonato. Salvatore Lattuca, titolare dell’attività, è un fiume in  piena.  Racconta la sua storia fatta di lavoro, fatica, di investimenti gettati al vento. “Ho gettato un anno della mia professione – spiega – quest’anno hanno perso i lavoro anche  i lavoratori stagionali impegnati nel mio locale. Evidentemente allo Stato non interessa nulla “. Una protesta pacifica che vuole sensibilizzare anche i “colleghi” a fare la serrata generale. “Le partite iva vanno chiuse tutte – questo disastro sanitario ed economico non lo abbiamo causato noi cittadini. Se lo stato ci impone la chiusura qualcuno ci dovrà pur aiutare”. Un affondo finale. “Vado via dall’Italia e penso di investire altrove – conclude”.

Marcello Digrandi

COMMENTI

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0